Login

Signup

Password dimenticata?
Registrati

Language

Scegli zona
Check-in
Check-out
Ospiti
History

Giardini di Ninfa - Rovine Medioevali e Oasi Verde

03/05/2021
Giardini di Ninfa - Rovine Medioevali e Oasi Verde

Immersi nella campagna suggestive della pianura Latina, i Giardini di Ninfa appaiono come un mondo fantasma di un mondo disperso. I resti di questo fiorente paese medioevale sono oggi dolcemente avvolti da rose e edera che cresce in luoghi apparentemente casuali come l’abside di una chiesa crollata, dalla finestra di una villa o dal muro sgretolato di un ufficio doganale.

Latina, nella parte meridionale del Lazio, era una volta una pericolosa zona di confine tra il Regno di Napoli e lo Stato Pontificio. In questa posizione Ninfa ha conosciuto molti cambi di mani dal millenio che lo separa dalla sua fondazione nel secolo IX. Il prospero paesino cambio signore molte volte come bene di scambio tra Papi e nobili per ottenere favori o diritti mercantili.

Dopo il saccheggio e quasi totale distruzione nel 1382 da parte di un ramo ostile della famiglia dei Caetani che allora regnò su Ninfa, non fu più ricostruito e venne abbandonata a se stessa e alla malarià che infestava le paludi circostanti. Gli abitanti dei paesini vicino continuarono a mantenere e celebrare la messa nella chiesa fino al 1600; forse l’unica ragione per cui ancora ci rimane, almeno in parte.

Il primo tentative di creare un giardino tra le rovine è del 1700, di cui rimane un piccolo hortus conclusus, anche se il giardino che prospera oggi cominciò a prendere la usa forma odierna soltanto da metà ‘800 quando i Caetani tornarono alla loro tenuta. Sotto la cura di Onoraro Caetani, sua moglie Ada Bootle Wilbraham e due dei loro figli, Gelasio e Roffredo, Ninfa iniziò la sua trasformazione in un luogo incantato.

Dopo il drenaggio delle paludi la famiglia si mise all’opera per trovare e crescere piante di specie particolari tra le rovine dopo averli amabilmente liberati da piante e edere infestanti. L’idea fu quella di creare un giardino all’inglese, apparentemente selvaggio e naturale, anche se frutto di cure metodiche e attente nonché di piani specifici per dove collocare gli alberi di cipresso, olmo e faggio e la miriade di specie di rose, sia selvaggi sia coltivate.

Roffredo Caetani seguì l’eredità dei suoi genitori e continuò a ampliare Ninfa insieme alla sua moglie. Marguerite Caetani diresse la rivista letteraria internazionale Botteghe Oscure che pubblicò le nascenti stelle del panorama letterario europeo tra cui Dylan Thomas, Günter Grass, Pier Paolo Pasolini, e Albert Camus per nominarne solo alcuni. Fu lei ad aprire il paradiso lussureggiante agli artisti e scrittori presentati nella sua rivista, volendo offrirli un luogo dove trovare ispirazione e pace.

L’ultimo anello della famiglia è Lelia Caetani. Grande pittrice e grandiosa giardiniera, usò il giardino come una tela vivente, colorandola con magnolie, susine e meli, nonché di rose arrampicanti che oggi abbracciano le rovine parzialmente ricostruite. Prima della sua morte nel 1977, Donna Lelia istituì la Fondazione Roffredo Caetani, con lo scopo di promuovere e curare l’area di e intorno a Ninfa, che ancora oggi si occupa del giardino e permette a visitatori di tutto il mondo di godere della meraviglia lussureggiante creato dalla sua famiglia.

Il giardino ospita un numero impressionante di specie, oltre 1300, tra cui specie rare di camelie e caprifoglio oltre a una miriade di rose ti tutte le specie immaginabili. Il clima mite dell’area permette alle piante di crescere incredibilmente veloci e vigorosi, anche a piante tropicali come l’avocado e le banane.

I giardini sono visitabili solo in determinati giorni durante l’anno per permettere di preservare il microclima delicato che è la base della loro esistenza. Il calendario è consultabile sul sito web della fondazione. Durante i giorni di visita partono visite guidate ogni 10 minuti, in quanto visite libere non sono ammesse, ne lo è la permanenza nel parco alla fine della visita; tutto per assicurare la pace di quest’oasi verde.

  

Giardino di Ninfa

Doganella di Ninfa – Via Provinciale Ninfina, 68, 04012 Cisterna di Latina (LT)

http://www.fondazionecaetani.org/giardini.php?

 

 

October 2021
Mo Tu We Th Fr Sa Su
27 28 29 30 1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30 31
Acconsento al trattamento dei miei dati personali ai sensi della legge 196/2003 Italiana
Web Design & Web Marketing by Secret Key

Iscriviti alla Newsletter

Subito per te, un coupon del 10% di sconto da utilizzare su WonderWhereToStay.com
In più resterai sempre aggiornato su tutte le novità e le promozioni!
Acconsento al trattamento dei miei dati personali ai sensi della legge 196/2003 Italiana
+